Skyros è la più grande isola delle Sporadi Settentrionali. Il territorio comunale comprende l'intera isola omonima più alcune isole disabitate. Skyros, l’antica Anemoisa, isola del vento, ha un patrimonio naturale forse unico fra le varie isole delle Sporadi.
Il suo territorio è diviso nettamente in due, marcato da paesaggi completamente diversi: su una parte quella del nord dell’isola, piccole baie sono incorniciate da foreste di pini e una fertile campagna; la parte meridionale, invece, è un susseguirsi di brulle colline e ripide coste rocciose. La parte meridionale dell’isola e la maggior parte degli isolotti satelliti, così come la vetta più alta (quasi 800 metro sul livello del mare) la Kochylas sono importanti zone di protezione speciale per gli uccelli e fanno parte della rete NATURA 2000 di siti protetti dall’Europa.

La dea Teti scelse Skyros per nascondere il figlio Achille, semidio a cui era stato profetizzato alla nascita un fatale destino. 
Chora
La città principale nonché capoluogo di Skyros è Chora, costruita in passato su un’altura per essere fuori dalla portata dei saccheggi da parte dei pirati. Con le sue casette bianche che sorgono ai piedi di un imponente castello, è considerato uno dei più bei villaggi dell’intero paese. A Chora domina il castello bizantino sulla cima della collina, un eccezionale punto panoramico. Le rovine del castello comprendono anche una chiesa del IX secolo e un castello-monastero del secolo successivo all’interno.
Chiesa ortodossa a Molos
Mulino alla località di Molos
Mulino alla località di Molos
Località Akra Pouria
Località Akra Pouria
Chiesa di Agios Ermolaos
Chiesa di Agios Ermolaos
Chiesa
Chiesa di Kyra Panagia e omonima spiaggia al nord dell'isola
Località Kalamitsa sud dell'Isola
Chora
Chora
Chora
Chora
Chora
Chora
Ritratto in una casa tipica di Skyros
Back to Top