Nel XIX secolo, le antiche miniere del Lavrio in Attica vennero riscoperte. Un veliero greco avrebbe usato come zavorra delle scorie del Laurio. Durante una sosta in Sardegna, un proprietario della miniera dell’isola, il signor Serpieri, ebbe l’idea di provvedere alla loro analisi. Scoprendo il loro potenziale, si sarebbe associato con il marsigliese Roux per rilanciare lo sfruttamento dei giacimenti del Laurio attraverso la creazione, nel 1867, di una società franco-italiana: La metallurgia del Laurio.

Nella primavera del 1871, la Grecia cercò di approfittare della sconfitta della Francia da parte della Prussia e delle sue conseguenze, per togliere la concessione alla società franco-italiana che aveva cominciato a produrre profitti. La questione, che divenne ben presto il “caso del Laurio” ebbe un impatto su scala internazionale a causa delle rivalità diplomatiche in Europa. Jules Ferry, il nuovo ambasciatore di Francia in Grecia, tentò senza successo, di far cadere il governo greco. Alla fine, nel febbraio del 1873, venne trovato un compromesso: Roux e Serpieri vendettero la compagnia ad un gruppo di banche di Costantinopoli.

Questo gruppo, capeggiato da Andréas Syngrós, fondò la Compagnie Métallurgique Grecque du Laurion che suscitò grande entusiasmo presso gli investitori greci e sollevò la prima bolla speculativa della storia greca, il cui scoppio portò alla scomparsa delle economie di molti greci. Le miniere del Laurio portarono la Grecia nell’era del capitalismo speculativo.

Nel 1877 venne creata una nuova compagnia francese diretta da Serpieri: la Compagnie Française des Mines du Laurion. Nel 1911, era diventata la principale compagnia del luogo, in concorrenza con altre compagnie greche e francesi. Tutte queste aziende parteciparono all’intenso sviluppo industriale della regione. La città di Laurio contava allora di una popolazione 10000 lavoratori e il suo porto era frequentato da navi provenienti da tutto il mondo. La Compagnie Française des Mines du Laurionintrodusse in Grecia, nel periodo tra le due guerre, la gestione scientifica del lavoro. Le miniere del Laurio divennero anche un importante centro di lotte sociali e politiche del paese. Ma la chiusura, prima della principale società greca 1917 e poi della principale società francese 1977, misero in crisi la regione.

Oggi le miniere fanno parte di un grande parco di archeologia industriale.

sito web: http://www.ltp.ntua.gr/lavrion_park/history_en

Leave a Reply